Un amore malato

“Poi tutto accadde velocemente. Lui entrò, si avvicinò e le fece una carezza, poi la girò verso di sé e la schiaffeggiò. Lei parve avere un moto di rabbia, immediatamente sopita quando incontrò lo sguardo torvo di lui. Indietreggiò e si tenne alla spalliera di una sedia, ma lui l’afferrò, le strappò letteralmente di dosso la camicia, la trascinò sul letto, poi rimase a guardarla immobile e pareva non parlasse, solo la guardava fisso; Lei si raggomitolò e si coprì con un lenzuolo, lui la scoprì, era chiaro che la stava umiliando ed esercitava il suo potere di padrone. Lei, a quel punto, rimase immobile e non pose alcuna resistenza alla volontà inflessibile di lui. Sembrava una bambola rotta. Lui a un tratto distolse lo sguardo da lei e uscì dalla stanza”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...