Primi giorni di agosto 1973

Nelle prime ore di quel pomeriggio estivo non sapeva che fare: il caldo, il sole allo zenit non l’aiutavano certo a inventarsi un programma piacevole, non rimaneva altro che gironzolare per i corridoi solitari di quel luogo antico, in cui non accadeva mai nulla di interessante. Come sempre a quell’ora dormivano i domestici, il padrone di casa, i parenti, gli amici e i due cani da guardia, si udivano solo i cori delle cicale; decise di salire in soffitta, da lassù la vista era splendida, si tolse le scarpe, non voleva produrre alcun  rumore e a piedi nudi affrontò la prima rampa. Il piede aderiva alla vecchia pietra e la sua superficie fresca provocava una piacevole sensazione di ristoro; stava per affrontare la seconda rampa quando un mormorio che proveniva dallo studiolo del padrone di casa attrasse la sua attenzione. La porta era solo accostata e si avvicinò: lui era seduto alla scrivania, era solo e stava osservando qualche cosa.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...