Tratto dal libro: Il cassetto segreto

La cena trascorse lentamente, il padrone di casa era silenzioso e dichiarò che si sarebbe coricato presto perché la mattina seguente aveva intenzione di fare una passeggiata a cavallo.

Gli ospiti proposero di tornare in paese a finire la serata e se ne andarono a bordo delle loro belle auto, rientrarono a notte inoltrata. Quando la dimora si chiuse in un silenzio tombale si recò finalmente nello studiolo, fortunatamente non era chiuso a chiave, ritornò alla scrivania, riaprì lo scomparto segreto, questa volta si diede il tempo di frugare meglio e trovò un’altra foto addossata alla parete di fondo. Era rischioso ma accese la lampada da tavolo. Fu sufficiente un istante per capire che i suoi sospetti erano fondati.

“Ora so ciò che devo fare” si disse.

Spense la luce, prese entrambe le foto, richiuse il cassetto e tornò in camera.

Passò le poche ore che mancavano al sorgere del sole a torturarsi l’anima; un briciolo di senso di colpa residuo, non permetteva di occuparsi totalmente della faccenda.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...