Dal libro: Il cacciatore e la preda

Giulia scattò in avanti come un felino; la pista curvava e diveniva più stretta, era anche più complessa, piena di cunette e, dal rumore provocato dagli sci, era chiaro che la superficie ghiacciata non era stata coperta dalla neve caduta la notte precedente. Giulia dovette ridurre la velocità e si fermò in un punto leggermente sopraelevato per avere una buona visione e lo vide, una ventina di metri più in basso, fermo al lato della pista, e la stava osservando. Si studiarono, Giulia si domandò chi fosse, in quel momento, il cacciatore e chi la preda.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...