Dal libro: tè e pasticcini

Manfredi capì il mio disagio e intavolò un discorso frivolo sui giardini e la disposizione delle piante ornamentali lungo il viale d’accesso alla villa. A loro piacque quell’argomento e tutti e tre intervennero con le più disparate opinioni, ma era la madre di Carlo a chiudere il discorso, e sempre il suo parere era accettato dagli altri come corretta soluzione, e mi fu ben chiaro chi tenesse lo scettro del comando in quella famiglia.

Mentre sbocconcellavamo deliziosi pasticcini e sorbivamo il nostro tè, io la osservai, e ne notai più volte un’espressione risoluta, che appena si presentava spariva subito dopo per lasciare posto a un leggero sorriso lievemente ammiccante.

Mi parve ovvio che fosse lei a dirigere la famiglia, la servitù, la casa e non mi sarei meravigliata nello scoprire che la sua influenza si espandesse sino a giungere agli ambienti di lavoro del figlio e del marito.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...