Scrivere al parco all’imbrunire

Giovedì verso sera: passeggiata al parco con l’immancabile taccuino, una penna e un mare di idee da organizzare.

Maya mi trotterella a fianco e io mi sento tranquilla, e come potrei non esserlo con una guardia del corpo di trenta chili, con la poderosa testa nera come la notte, gli occhi scuri e luminosi, due lunghi canini.

Lei prende uno stradello tra i cespugli e io la seguo, poi ritorna sul sentiero principale e raggiunge una panchina dove mi siedo.

Lei mi guarda: “Brava Maya”

Scodinzola e si sistema a terra.

Io, con la poca luce rimasta, scrivo qualche appunto; c’è un passaggio del libro che mi ha bloccata, ma in quel luogo, con il mio grande cane, mi pare che i nodi vengano al pettine e tutto si sistemi.

Il buio mi coglie all’ultima parola, mi alzo e ce ne andiamo.

Domani è un altro giorno!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...