I destrieri di antica stirpe

Quando udii un nitrito acuto mi girai con grande difficoltà, data la velocità della galoppata, e vidi Accipiter prima rallentare poi riprendere l’andatura incurante della lancia piantata in un garetto.

I ratti ci stavano attaccando, ci inseguirono per un buon tratto, poi rallentarono e sparirono.

La prateria era finita, e ci addentrammo in un folto bosco che nascose la nostra presenza. Finalmente non eravamo più esposti, i cavalli diminuirono l’andatura e avanzarono lungo un sentiero che s’inerpicava per uno scosceso pendio; lo seguimmo sino a che divenne più ampio e s’immise in una carrareccia che, dai segni lasciati a terra, intuimmo essere percorsa anche da più carri affiancati.

Continuammo a salire senza incontrare nessuno.

Il bosco intorno a noi iniziò a diradarsi e giungemmo infine in una radura che ospitava le rovine di un piccolo borgo medievale; solo una dimora in pietra sgretolata era rimasta in piedi, unica ad aver resistito al logorio del tempo e all’incuria dell’uomo, e ricordava passati fasti.

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...