Il lento passare delle ore

 

” … Bevemmo frettolosamente la calda e rassicurante bevanda, poi li guardai: erano immobili, non riuscivano a dire o a fare nulla, così ebbi la certezza che le loro menti stessero vagliando anche altre opzioni, oltre a chiamare in aiuto la polizia o chissà chi.

L’orologio a pendolo, regalo della nonna, che se ne stava appeso in fondo al corridoio, scandì la mezzanotte, e già da tempo ci eravamo accorti della sparizione dei ragazzi che malauguratamente non erano ancora tornati … “

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...