L’antica maga

 

” … La maga si accostò a Iulia e le pose le zampe sulla fronte con le palme rivolte verso l’alto. Erano zampe accartocciate, richiuse su se stesse, rinsecchite, con lunghe unghie aguzze e violacee. Subito non accadde nulla, poi le dita si aprirono a raggera e la pelle si distese illuminandosi. A Max parve che una leggera luce verdastra si alzasse verso l’alto per poi cadere sul volto esangue di Iulia che rantolando iniziò a contorcersi. La luce ballava sul corpo, avvolgendolo: il corpo si innalzò sopra tutte le teste, poi ricadde tra le braccia della guardia che ne seguiva le evoluzioni. Dapprima Iulia non si mosse né aprì bocca, ma in breve sembrò respirare più facilmente … “

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...