Il pericolo che incombe

 

” … C’era un silenzio opprimente, squarciato solo dallo stridio di una civetta. Eravamo in piena estate ma, cosa strana, una nebbia spessa, bassa e fredda stava avvolgendo tutto. Il cancelletto del giardino scricchiolando si aprì e mio fratello brandendo il bastone e muovendo con agitazione la torcia avanzò guardingo. L’erba alta attutiva i nostri passi e sembrava di camminare nel vuoto. A malapena riuscivo a distinguere Filippo, la coltre bianca lo inghiottiva a qualche passo di distanza.

Quando fui sfiorata dai rami dell’enorme abete che torreggiava su tutti gli alberi del giardino, mi accorsi che mio fratello era sparito e Ghiso con lui. Mi addentrai sotto l’albero. Conoscevo bene quel punto, c’era un passaggio tra i rami intricati che portava alla base del tronco: io e Patty passavamo ore lì sotto, a giocare.

Finalmente toccai la corteccia e mi buttai al suolo, al sicuro, sul morbido tappeto di aghi e foglie”

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...